martedì 1 luglio 2014

DIY: PIÑATA




Ho sempre voluto una piñata, non so perché ma da quando ho scoperto la loro esistenza è stato amore a prima vista! 
Che poi, un po' di pena me la fanno: perché distruggerle in quel modo?
(*Eh? Dentro ci sono caramelle, dolcetti e regali? Ah, allora datemi subito un palo che la massacro!*).


Foto originale di campfirechic

Oggi vi insegnerò a fare una piñata homemade
Sì anche a te che non sai nemmeno tagliare in linea retta o attaccare un cartoncino senza smerdarti le dita (*senti chi parla*) bè sappi che questo DIY è così facile che ce la possiamo fare anche noi manualmente poco abili :-)
Che poi le piñate vanno bene in ogni occasione: una festa in maschera, di compleanno, un addio al celibato, un matrimonio, una festa messicana... 
Insomma W sta piñata! 


Avrai bisogno di:
(Avvertenza: questo diy è pensato per creare piñate con forme “fantasiose” se vuoi una piñata rotonda, a prova d'imbranato cronico, guarda l’ultima parte del post e non sentirti solo, il mondo è pieno di impacciati come noi!)

-cartoncini (quelli delle scatole dei cereali o simili vanno benissimo)
-matita
-forbici
-scotch
-corda
-caramelle, coriandoli, glitter (o tutto quello che vuoi metter dentro la piñata)

Instruzioni: 
(*non preoccuparti se non le capisci ti lascio anche varie foto: un immagine vale più di mille parole, soprattutto se a parlare sono io...*)



1-Con la matita tracciamo il disegno che vogliamo per dar forma alla nostra piñata: il classico asinello secondo me è ecceziunale veramente! Scegli tu la dimensione e la forma della piñata che più ti piace: cuore, numeri, frutta... 

2-Tagliamo i bordi della figura (ovviamente, essendo una piñata tridimensionale dovremo creare anche lo spessore, tagliando quindi strisce di cartoncino che attaccheremo tra le due figure dell’asinello... oh ma come mi son spiegata male, sorry sorry, guardate il disegno che forse è meglio :-p)

3-Attacchiamo le figure tra di loro con lo scotch lasciando uno spazio aperto: dobbiamo ancora fare un buco nella testolina dell’asino (*sembra orribile ma non lo è: il buco è indispensabile per attaccarci la corda che lo terrà su mentre verrà preso a mazzate per aprirlo in due e prendere le caramelle per la gioia di grandi e piccini ohhh respira, cavolo che frase lunghissima. Ok è orribile. Consoliamoci: l'asinello è di cartone*).

4- Dopo aver legato la corda (*ovviamente il nodo dovrà essere più grande del buco...ma che te lo dico a ‘fa!*) riempiamo la nostra piñata di caramelle, glitter, coriandoli o quello che vogliamo e lo chiudiamo completamente con lo scotch.

5- È ora di decorarlo perché dicimolo pure l’asinello è un po’ una cozza fin’ora. E allora via libera alla creatività: a me piace decorarlo tradizionalmente, con striscioline di carta crespa di diversi colori e tagliuzzarla verticalmente (*anche in sto’ caso per fortuna ci son le foto*).

6-Fatto? (*mi sento un po’ Giovanni Muciaccia!*) e voilà la vostra piñata è pronta e dovrebbe essere più o meno così:



Ecco altre geniali idee scovate on the net:

alanajonesmann
oh happy day

oh happy day
studiodiy

E cosa mi dite di queste mini-piñate da regalare magari come ricordo della festa?
No vabbè. Muoio.



Come promesso vi lascio anche la foto della piñata rotonda a prova d'imbranato:



Ma siete ancora qua? E daje, andate a preparare la vostra piñata fai da te e poi prendetela a legnate :-P 


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta: è gratis e non fa male a nessuno. Bè se è una critica fa male a me, ma tanto a te che te frega, così ti sfoghi e eviterai magnare un kg di gelato al cioccolato dolce e un po' salato come fai sempre!
(*lo so che lo fai*)
P.S. si accettano anche i commenti belli e positivi.
Grazie e tante care cose!