martedì 26 agosto 2014

QUELLO CHE I TRAVEL BLOGGER NON DICONO

Viaggiare è fantastico.
Sí, lo è.
Viaggiare è la miglior scuola.
Sí, lo è.
Viaggiare è l'unica cosa che compri che ti fa più ricco.
Sì. lo è.



Viaggiare son tutte rose e fiori. 
Eh... no, non è proprio così e oggi ti svelo i retroscena dei viaggi, quelli che spesso non ti raccontantiamo....


ADVENTURES
Lo so cosa pensate: ci svegliamo in un posto nuovo, diverso e avventuroso ogni giorno, rischiamo la vita, non sappiamo cosa sia la routine, viviamo la vida loca & co...
Eh no. Non siamo reporter di guerra, nè Indiana Jones. 
Non tutti almeno. 
Io non di certo. 
E la vida loca? È rimasta all'università... io ormai c'ho il mal di schiena, alla faccia della vida loca!

Se è vero che molto spesso mi sveglio in posti cosí diversi che ogni tanto non so manco dove sono, la maggior parte delle volte, 'sti posti devono avere assolutamente una cosa: wifi. Senza wifi sono perduta. 
Un travel blogger senza wifi è un cielo senza stelle, un uomo senza pancia (si diceva cosí no?), una crepe senza nutella, un fashion blogger senza specchio...

Ogni tanto facciamo i fighi e ce ne andiamo lontano da tutto e da tutti, tipo eremiti, peró... se per caso, mentre camminiamo nel bosco prendiamo un po' di segnale sul telefono e se per qualche miracolosa ragione c'è wifi gratis, bè esultiamo più che quelli del "popoopopopopooopooo" dei mondiali. 
E aggiorniamo la pagina di facebook.


chiedendo, nella lingua locale, dove fosse il wifi più vicino

MISADVENTURES
Vi mostriamo (quasi) tutto bello patinato e sbarluccicoso. Ma il bagno dell'ostello quello no... ce lo teniamo per noi, che è meglio! Sia mai che al ritorno mamma ci vieti l'entrata in casa prima di disinfettarci con varecchina e candeggina. E quella vista sublime del vulcano Bromo? Bella lei, ma non ti racconto che per arrivare lassù ho perso un polmone nel cammino e pestato 426 cacche di cavallo o asino. Non son sicura era cosí buio che non vedevo niente. 


ma che te ridi che hai 4 cacche sotto i piedi!

LE FOTO
Ogni tanto mi chiedono perché scattiamo tante foto ai paesaggi e poche a noi. 
Risposta ufficiosa: 'eh ma i posti sono cosí belli che meritano tutto il protagonismo'.
Verità assoluta: a parte che sono un po' princicessa di mio e se ci mettiamo che quando viaggio porto con me lo stretto indispensabile il risultato è che sono sempre vestita uguale! 
Noi travel-bloggers siamo anni luce di distanza da quelli fashion che si svegliano belli, pimpanti e ben vestiti. Noi c'abbiamo le occhiaie, i capelli elettrici, la stessa maglietta di ieri... no, no, senza dubbio è meglio la foto del panorama, credimi!


quelle infradito le ho usate così tanto che si son bucate!

IBIZA & CO
Nell'autobus così autentico -che fa tanto figo- con 10 cm di sedile libero per appoggiare le tue chiappe che ne vorrebbero almeno il quadruplo di quei cm per sentirsi minimamente comode, con una gallina che scagazza in corridoio, il karaoke laosiano sparato al massimo, una strada che ha più buche che un emmental, un autista che ha preso la patente nelle merendine e un vicino rompicoglioni che non fa altro che guardarti e riderti in faccia per 8 ore inizi a pensare che magari, il prossimo anno, non sarebbe un'idea così malvagia andarsene a Ibiza-Punta Cana-Sardegna-Mallorca-Corsica o che ne so...Lignano Sabbiadoro


quel momento in cui, con la coca-cola, ti danno un palo per cacciar via le scimmie!

E poi cacchio! Ci manca il prosciutto, il nostro letto, gli amici, il prosciutto, la famiglia, la lasagna, il prosciutto l'ho già detto?

La prossima volta che un travel blogger ti dice che viaggiare è fantistico non invidiarlo. Adesso sai che dietro il 'fantastico' si nascondono cacche di gallina, water radioattivi, wifi terribile, astinenza di prosciutto e mezzi di trasporto assurdi.

Sappi però che tutte 'ste calamità, ai travel-blogger, piacciono assai. 
Siamo un po' masochisti sì, e per fortuna: immagina un mondo fatto solo da fashion-blogger... che palle! 


o quando, per entrare al tempio, ti fanno mettere un cestino di plastica in testa

faccio una foto e mi ustiono i piedi

fare un trekking e (quasi) morire nell'intento

La felicità è reale solo se condivisa. Ma dai!

Non siamo fashion bloggers ma abbiamo stile!

lui son sicura fosse fashion blogger. O flower blogger.

39 commenti:

  1. Mi hai fatto troppo ridere! :-) complimentissimi per il blog. C.

    RispondiElimina
  2. Oddio ma questo post è meraviglioso!! È proprio così!! Muoro 😂😂😂

    RispondiElimina
  3. uff... io le occhiaie le maschero e non mi metto la stessa maglietta per giorni :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco adesso non vorrei passare per una discarica ambulante. Ma davvero in viaggi larghi non vi è mai successo di indossare la stessa maglietta per due giorni?! M'inchino a voi! :P

      Elimina
    2. ma sì daiiii :P
      in realtà non ho mai fatto viaggi davvero on the road, con transfer super economici, pernottamenti in tenda e trekking dall'alba se no vedrai che anche io lasciavo a casa più tacchi e più borse :P

      Elimina
  4. ok sto ridendo da cinque minuti! e ridere fa bene, e ridere leggendo ancora di più! e di questo ti ringrazio :)! Da qualche anno non faccio più viaggi molto temerari ( ma non vado a Lignano :P) ma mi sono ritrovata in quello che hai scritto, ed è stato bellissimo :)!!!!! molto bello, molto ma molto bello il post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha noo devi provare Lignano, c'ha quel lado temerario che merita, tipo quando devi riuscire a sistemare l'asciugamano tra le tette alle ginocchia della tedesca di turno e il marciapiede :p Scherzo eh, io da buona friulana lovvo Lignano! Un bacio!!

      Elimina
  5. ahahahahahah FANTASTICAAAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  6. ahahahah mi hai fatto fare sane risate :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora mi fa piacere!!! Ridere fa bene :)))

      Elimina
  7. Meraviglioso!
    Completamente d'accordo con te, in tutto :D

    RispondiElimina
  8. Ahaahh condivido in toto l'articolo davvero bello ... Quante volte ho cercato di spiegare questa cosa.... Complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) grazie Marcos! Eh pure io l'ho cercato di spiegare tante volte, ma la maggior parte delle persone pensano ancora che io vivo in vacanza da una vita.. manco fossi Irene Grandi :p

      Elimina
  9. Sapone in ostello e la maglietta si cambia :D
    A me sembra più scout una così che travel blogger... viva le fashion! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Oddio. Non è che non mi lavo eh!
      La maglietta si cambia però, gira e rigira son sempre le stesse :-p
      (Nella prossima vita giuro di provare ad essere più fashion, parola di lupetto!)

      Elimina
  10. Risposte
    1. Grazie Fabio, mi fa piacere ti sia piaciuto!

      Elimina
  11. Brava! Hai pienamente ragione!
    E ora scusa, m torno alla briscolata con gli amici del bar di Lignano Sabbiadoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) Buona briscolata eh! Sempre e comunque forza Lignano (ma anche Pineta e Riviera eh! Che è tutto sto monopolio di Sabbiadoro?!) :-p

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Complimenti!un post davvero molto divertente!

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Questo è, ad oggi, il mio post preferito di sempre! :) Sono morta di risate! Confermo tutto... e io di look da viaggio penosi, occhiaie croniche e crisi d'astinenza per mancanza di cibo italiano ne so qualcosa! :) Il mio momento TOP: quando sono caduta in bagno in un ostello dove il pavimento (e non scherzo) aveva 2 blatte per ogni mattonella presente. E ho le prove fotografiche di me con il sedere per terra, caduta miseramente a causa delle infradito rotte!!!!! :P

    RispondiElimina
  16. Sei troppo forte! Io approvo soprattutto il primo punto: wi fi.
    Senza wi fi il cielo è senza stelle! :D

    RispondiElimina
  17. Fantastica!! E prova a pensare una mamma travel blogger, non hai un'idea!!! :D

    RispondiElimina
  18. Non so se mi fanno più ridere le cose che dici o le foto che hai messo! Sto crepando, mitica!

    (io se pesto le cacche lo dico, perchè la gente deve saperlo se ci stanno le cacche. Non me faccio scrupoli)

    RispondiElimina
  19. No ma sto morendo dal ridere!!!!! Sei troppo forte!

    RispondiElimina
  20. ahahah :'D fantastico questo post, e quant'è vero! Si scherza su tante cose, ma l'importante è proprio questo: prendere tutto con il sorriso, specialmente in viaggio ed a contatto con altri mondi e altre culture.
    Mi perdo a leggere i tuoi post, un blog davvero carino e spumeggiante! Complimenti :)

    RispondiElimina
  21. @Lucia: nuoooo muoio! Cadere sul pavimento scarafaggioso nooo mi manca (e spero mi macherà per tutta la vita), grazie per il commento :)
    @manuela vitulli: w le stelle (e mi sa che dopo la notte nel deserto le hai viste per bene!!) :) muack
    @valigiaepasseggino: posso sooolo immaginare... le comiche :)))
    @lafolle: che poi è risaputo: pestare le cacche porta fortuna... e allora tutti a smerdarci le scarpe!!!
    @elisa: :D grazie eheh, un bacino!!!
    @chiara: proprio vero: il sorriso non deve mancare mai, anche perché arrabbiarsi e rattristirsi non serve a niente. Grazie per passar di qua e per il commento :)

    RispondiElimina
  22. Ti ho appena conosciuta ma già ti adoro!!
    Sei simpatica e schietta :) mi piace

    Un bacio, Danila

    RispondiElimina
  23. Ahah, ma sei una grande! Vorrei un giorno anche io aprire un blog di viaggi chissà :)

    RispondiElimina

Commenta: è gratis e non fa male a nessuno. Bè se è una critica fa male a me, ma tanto a te che te frega, così ti sfoghi e eviterai magnare un kg di gelato al cioccolato dolce e un po' salato come fai sempre!
(*lo so che lo fai*)
P.S. si accettano anche i commenti belli e positivi.
Grazie e tante care cose!