lunedì 18 maggio 2015

KOYASAN: DORMENDO IN UN SHUKUBO

Dormire in un monastero buddista? Sembra strano, lo so, ma in Giappone non lo è affatto soprattutto se visiti Koyasan e i suoi shukubo...


SHUKUBO WHAT?!
Shukubo vuol dire, letteralmente ‘dormire in un monastero’. Non è una nuova moda giapponese: nel paese del sol nascente questa pratica rimonta a secoli fa quando i monaci accoglievano i pellegrini che stavano facendo un viaggio spirituale. I pellegrini che arrivavano a Koyasan erano seguaci di Kobo Daishi (presto ti parlerò di lui!) mentre oggi arrivano spinti dalla curiosità per questo posto cosí mistico.



IL MONASTERO
No, non avrai un monaco giapponese come compagno di stanza ma non preoccuparti: l’esperienza sarà comunque super autentica. 




La nostra camera da letto era bellissima: la porta, rigorosamente di carta di riso, la separava dal corridoio e una volta dentro non siamo riusciti a trattenere un ‘woooooow’ che ha fatto ridere il giovane monaco che ci aveva accompagnato. 
Piena di dettagli, con pareti di legno decorate con pitture giapponesi, un tavolino con tanto di stufetta elettrica che ti terrà al calduccio e gli immancabili futon, i ‘materassini’ arrotolabili dove si dorme meglio di quanto si possa immaginare!


E per stare più comodi bisogna indossare lo yukata: il tradizionale ‘kimono da casa’ che ti farà sentire come una vera geisha (o come un samurai nel caso di Rober... almeno credo, non penso si sia sentito geisha, mah: indagherò!).



Nella maggior parte dei shukubo si serve anche la cena e la colazione. 
Il menú è vegetariano (ricordiamoci che siamo in un monastero buddista), prende il nome di shojin ryori ed è formato da tanti mini-piattini di diversi cibi (alcuni dei quali davvero particolari!).




La cena si serve verso le 17.30, mentre la colazione si serve poco dopo la cerimonia mattutina...



Se vuoi, prima di andare a dormire, puoi vivere l’esperienza di fare il bagno in un onsen/sento giapponese: la maggior parte dei monasteri infatti hanno un bagno pubblico dove poter rilassarsi. (La differenza tra onsen e sento è che il primo dispone di acque termali, mentre il secondo dispone di acqua calda).



E LA CERIMONIA MATTUTINA?

Se ti alloggi in un shukubo non puoi perderti la cerimonia mattutina dei monaci. 



La sveglia suona prima delle 06.00am ma merita sicuramente la pena: sentire dal vivo i mantra buddisti cantati dai monaci è un’esperienza che non dimenticheremo facilmente. Ma porca miseria potrebbero farla alle 08.00am? Ups!






INFO UTILE:

8 commenti:

  1. Foto bellissime! Concordo, è un'esperienza incredibile! Consiglio anche una passeggiata nel cimitero/mausoleo Okunoin, magari subito dopo cena, prima del bagno rilassante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero!! Il cimitero è davvero un must... un posto rilassante, inmerso nel verde e davvero suggestivo. Ma siccome sono una cacasotto io l'ho visitato a mezzogiorno (sia mai salisse un fantasmino a perseguitarmi) :-p

      Elimina
  2. Una bellissima esperienza! Non ci avevamo mai pensato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii :) è stata davvero un'esperienza indimenticabile :)

      Elimina
  3. Ciao, ti posso chiedere in che tempio hai alloggiato?Cosi mi aiuti a scegliere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo, mi sa che arrivo tardi... ups. Cmq noi siamo stati qua: http://www.muryokoin.org/int/ un abbraccio!

      Elimina
  4. Noi per farlo eventualmente rinunciamo a Nara...ne vale la pena???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm difficile domanda! Farti mangiare una mappa di Nara da un cerbiatto amoroso è troppo bello, ma se dovessi scegliere... pensó opterei per Koya San! Un abbraccio

      Elimina

Commenta: è gratis e non fa male a nessuno. Bè se è una critica fa male a me, ma tanto a te che te frega, così ti sfoghi e eviterai magnare un kg di gelato al cioccolato dolce e un po' salato come fai sempre!
(*lo so che lo fai*)
P.S. si accettano anche i commenti belli e positivi.
Grazie e tante care cose!