sabato 30 maggio 2015

KOYA SAN: IL GIAPPONE MISTICO

Nell’anno 816 il sacerdote Kobo Daishi si stabilì sulla cima di una montagna nella prefettura di Wakayama: il Monte Koya. 



Con lui arrivarono anche alcuni dei seguaci della sua nuova dottrina, il cosiddetto buddismo shingon. 
Poco a poco, Koya-San si convertì nell’epicentro di questa scuola buddista, arrivando ad ospitare sotto l’ombra dei suoi pini più di 1500 monasteri. Oggi quelli sopravvissuti sono decisamente meno, quello che non è cambiato per nulla è l’aria mistica e carica di spiritualità che si respira a Koya San.

La leggenda vuole che l’anima del maestro Kobo Daishi continui a meditare aspettando il ritorno di Budda. Quel che è certo è che il corpo di questo grande pensatore riposa nel mausoleo del bellissimo cimitero del paesino, uno dei più grandi del Giappone e del mondo (è infatti un onore per ogni seguace poter riposare eternamente qua).



Arrivare a Koya San non è comodissimo ma non è nemmeno una mission impossible: dopo aver cambiato un paio di volte treno e aver preso la funivia che porta su, fino a 867 metri di altezza (e freschezza!) di Koya San, abbiamo messo piede (scalzo) sul suolo del shukubo dove avremmo passato la notte. 

Quella di dormire in un antico monastero buddista è una delle esperienze più belle che abbiamo vissuto in Giappone, ve ne abbiamo già parlato qua.

Anche se la tentazione di rimanere chiusi nel nostro shukubo è stata forte, soprattutto considerando i 2 gradi che ci aspettavano fuori, ci siam fatti coraggio: se siamo venuti fino a Koya San era per esplorarla, e allora esploriamola!

A Koya San ci sono due cose da vedere assolutamente: il cimitero (Okunoin) e il recinto sacro (Garan). 

L’ Okunoin non è un cimitero normale: qua riposano più di 200.000 anime, alcune delle quali lo fanno da 12 secoli e se pensi che l’atmosfera sia tetrica e oscura, bé ti sbagli. La sensazione è quella di stare in un posto davvero pacifico, la spiritualità aleggia nell’aria, tra i rami dei pini e i sassi del cammino che portano fino al mausoleo dove riposa Kobo Daishi (Gobyo) e alla sale delle lanterne (Torodo).









Non è un luogo tetrico, certo... io non lo visiterei alle 3 di mattina ma perché sono una cagasotto!
La cosa che più mi ha colpito sono state le centinaia di statuine con berretti di lana e bavaglioli. Sono i cosiddetti Jizos e rappresentano i guardiani-protettori dei bambini morti prematuramente, un’immagine davvero impattante. 





Il freddo era davvero pungente e la tentazione di tornare al shukubo per aprofittare della copertina elettrica, bere te verde, mangiucchiare dolcetti e magari fare un ‘tuffo’ nell’onsen del monastero hanno avuto la meglio.

Il giorno dopo, belli pimpanti (se fa per dí!) dopo esserci svegliati alle 5am per assistere alla cerimonia mattutina dei monaci, abbiamo visitato il recinto sacro di Danjo Gatan. Qua si trovano numerosi templi e pagode como quella di Konpon Daito, il recinto di Kongobuji o il maestuoso salone dorato. 








Koya San è stata una bella sorpresa del viaggio in Giappone, te lo consigliamo senza nessun dubbio!

INFO UTILE

1€=135Yen

Come arrivare: La maniera più facile è farlo da Osaka.
Ti consiglio di aquistare il 'Koyasan World Heritage Ticket'un combined ticket che include:
-treno dalla stazione di Osaka (Namba) fino a Gokurakubashi (andata e ritorno. Il ritorno vale per lo stesso giorno o il successivo). 
-funivia da Gokurakubashi fino a Koya San (andata e ritorno. Il ritorno vale per lo stesso giorno o il successivo).
-bus di Koyasan. Il paesino non è grande e si può fácilmente percorrere a piedi. L’unica distanza che coprirei in bus è quella dalla stazione all’alloggio.
-mappa di Koya San con info utili.
Quanto costa il Koyasan World Heritage Ticket?
Ce ne sono di due tipo che dipendono dal tipo di treno che si può prendere: il primo costa 2.860¥ e il secondo 3.400¥. 
Dove si può comprare? Nella stazione di Namba. 

Dove dormire: senza dubbio in un shukubo! Qua trovi la nostra esperienza

Dove mangiare: la maggior parte dei shukubo includono la cena e la colazione nel prezzo del pernottamento, se non è il tuo caso non preoccuparti: non ci sono moltissimi posti dove mangiare a Koya San, ma qualcosina c'è. Prezzi sui 700Y.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta: è gratis e non fa male a nessuno. Bè se è una critica fa male a me, ma tanto a te che te frega, così ti sfoghi e eviterai magnare un kg di gelato al cioccolato dolce e un po' salato come fai sempre!
(*lo so che lo fai*)
P.S. si accettano anche i commenti belli e positivi.
Grazie e tante care cose!