giovedì 5 febbraio 2015

UOMO ZITELLO: 10 MOTIVI PER FESTEGGIARE

Eccolo qua! Più pesante che una peperonata per colazione e più commerciale che l’ultimo successo di David guetta: San Valentino, la festa di ogni cretino degli innamorati, arriva puntualissimo.


C’è solo una categoria di persone alla quale San Valentino sta sulle palle più che a quelli che non sanno cosa regalare alla dolce metà per farla contenta e far sí che la notte del 14 febbraio non soffra di un attacco di poliomelitis, narcolessia o cagotto acuto: gli zitelli.

Essere zitello è sottovalutato
E pensare che io, da piccola, ero traumatizzata perché il mio nome al contrario era AIZITEL.

Gli accoppiati ci immaginiamo i nostri amici singles passando le notti guardando commedie romantiche versando lacrime infinite su fazzoletti al mentolo, chiedendo a Dio una cazzo di anima gemella da amare più di sè stessi, e finendo la serata con un pornetto dove persino l’idraulico panciuto e baffuto riesce ad andare a segno senza troppe difficoltà.

Diciamo la verità: ogni zitello che si rispetti è passato per questa fase ma presto si è reso conto che essere single ha innumerevoli lati positivi, degni di una celebrazione tipo festa del prosciutto.

Pensaci, soprattutto a San Valentino, quando i comuni mortali sono socialmente obbligati a comprare quintali di cioccolatini (che finiranno inevitabilmente nel culo delle fidanzate) e decine di rose rosse che la malcapitata accetterà con un sorriso di circostanza (chiedendosi come, l’uomo che sarà padre dei suoi figli, continua a non capire che la felicità ha la forma di uno stivale. E non parlo del Belpaese).

Uno zitello è libero, libero e felice come una farfalla, ecco i perché:

1-Nessuna voce stridula ti rompe le palle chiedendoti per la quindicesima volta di spiegarle come funziona il fuorigioco mentre Di Natale sta per tirare il rigore concesso sull’1-1 con la Juve.

2-Nessuno ti giudica se dopo esserti strafogato 5 ferrero roché, 1 crepe alla nutella, 1 panino con la soppressa, vai e ti prepari una pasta aglio, olio e peperoncino.

3-Nessuno rifiuta un tuo bacio al sapor d’aglio, olio e peperoncino.

4-Nessuno, nel bel mezzo della notte, ti ruba le lenzuola né decide sfiorarti con i piedi congelati.

5- Puoi sganciare tutte le scorregge che vuoi senza che nessuno ti dica ‘va che fai proprio schifo’. Ok, magari tua madre te lo dice, ma lei la perdoni sempre.

6-Non incontrerai nella doccia millemila bottigliette di shampoo, bálsamo, crema corpo, maschera per capelli secchi, maschera per capelli scupati, maschera per capelli fragili che ti viene da dire “miii comprati una parrucca che facciamo prima!”

7-E parlando di capelli: non troverai pallottole di pelo più intricate del gomitolo di Teseo che ti otturano la doccia.

8-Non devi partecipare a nessun pranzo domenicale in cui ti senti addosso gli occhi iniettati di sangue e di odio del futuro suocero.

9-Sarai l’unico ed exclusivo propiertario del telecomando.

10- Puoi guardare tutte le ragazze fighe che vuoi senza poi subirti un monologo incriminatorio che sfocierà nella III Guerra Mondiale.

Se vuoi leggere la versione femminile la trovi qua

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta: è gratis e non fa male a nessuno. Bè se è una critica fa male a me, ma tanto a te che te frega, così ti sfoghi e eviterai magnare un kg di gelato al cioccolato dolce e un po' salato come fai sempre!
(*lo so che lo fai*)
P.S. si accettano anche i commenti belli e positivi.
Grazie e tante care cose!